Betta Pilusa e… Pilusedda. Le fiabe siciliane si raccontano

Giuseppe Pitrè fu uno studioso, medico ed etnologo vissuto tra il 1841 e il 1916, uomo che fece tesoro delle tradizioni siciliane tanto da raccogliere abiti, racconti, arnesi da lavoro sia antichi che a lui più vicini. Una raccolta che è confluita nel ricco e curiosissimo Museo Etnografico Siciliano “Giuseppe Pitrè”, uno dei più importanti musei nazionali di etnografia, ospitato in quelle che era uno degli edifici di pertinenza della Casina Cinese nel Parco della Favorita. Raccolta che è anche scritta, riguardante fiabe siciliane, proverbi e tanto altro. Qui ne inserisco due , Betta Pilusa e Pilusedda, prese da suoi volumi.
Molto graziose: la prima può essere accostata in parallelo alla francese Peau d’âne-Pelle d’asino; la seconda è particolarmente evocativa della Lingua siciliana (anche per chi volesse scoprirla e analizzandola) fiaba con molti punti comuni alla prima.

Due antiche favole-racconti. Divertitevi nel leggerle.

Betta Pilusa

Si cunta e si boncunta (classica forma iniziale delle favole siciliane) che in una bella città siciliana sorta accanto a un bosco, vivevano un Re, la sua Regina e lu Riuzzu (modo siciliano per giovane principe) pieno di sogni e di fantasie.

In un altro Regno molto lontano, tutto verde e ridente, viveva invece una bella principessina che stava facendo impazzire i suoi genitori perché non si decideva a scegliere un principe da sposare.

Un giorno la principessa Spera di Suli (Aureola del Sole), così chiamata per i suoi lunghi capelli d’oro, si decise: visto che nel suo regno non riusciva a trovare un marito che le piacesse e le sembrava che tutti la cercassero solo perché era ricca e bella, sarebbe partita senza rivelare chi era durante la ricerca in modo da trovarlo in un’altra nazione.

La giovane dovette insistere a lungo con i suoi genitori e con i consiglieri di Corte che non vedevano di buon occhio questa sua decisione e, alla fine, concordarono che sarebbe partita, ma sotto la vigile protezione della sua madrina che era un fata.

Doveva rendersi irriconoscibile, quindi la principessa si mise addosso vestiti poveri e logori avvolgendosi in una grande pelle d’asino. Montò su un carro mezzo rotto e traballante tirato da un asino e partì in cerca del vero grande amore.

Nel suo palazzo Spera di Suli era stata abituata a fare di tutto e a studiare, così non ebbe difficoltà a lavorare mentre viaggiava. A tutti si presentava come Betta Pilusa.

Dopo un lungo tragitto e varie tappe, alla fine giunse nel Reame del giovane principe, quello pieno di sogni e fantasie, proprio nel momento in cui la Famiglia Reale stava sfilando per la città tra ali di sudditi.
Spera di Suli-Betta Pilusa notò il bel giovane e se ne innamorò subito.
Cosa fare?
Prima cosa, fermarsi in quella città.

Proprio in quei giorni la fornaia del palazzo reale si era ammalata e nella Residenza del Re ne cercavano un’altra.

Betta Pilusa, tra le cose che sapeva fare benissimo, cucinava altrettanto bene, faceva pure una pizza eccellente. Non ebbe difficoltà ad ottenere il posto.

Divenne panettiera del Re, quindi con la possibilità di vivere a palazzo, ma in una casetta vicina al locale dei forni.

Cosa faceva?
Di giorno lavorava e la sera si chiudeva in casa senza dare confidenza a nessuno. Betta Pilusa si incontrava solo con la sua madrina, la fata, che la coccolava e le dava buoni consigli.

Una sera lu Riuzzu fece più tardi del solito con i suoi amici e, passando davanti alla casetta di Betta Pilusa, ebbe l’impressione di sentire un dolce canto e di intravedere dei bagliori luminosi.
Guardò dal buco della serratura e rimase senza fiato: nella vecchia casetta danzava una fanciulla bellissima, mentre una fata le diceva: “Spera di Suli, Spera di Suli, sarai regina si Diu voli…”.

Lu Riuzzu non perse tempo e bussò subito alla porta. Questa si aprì lasciando intravedere Betta Pilusa nella sua una povera stanza buia.

“Che succede? Cosa desiderate, Maestà?”, chiese Betta Pilusa.

A quella misera visione il principe ci rimase molto male.
Dopo passò le sue giornate a chiedersi che fine avesse fatto la ragazza che aveva visto dal buco della serratura.

Non usciva più, non mangiava più… e finì per ammalarsi.

I medici e stregoni furono chiamati per curarlo, ma non ci riuscivano a guarirlo. Il Re e la Reggina erano disperati.

Un giorno un vecchio saggio disse che il principino per guarire doveva mangiare una focaccia preparata dalle mani di una regina.

La Regina entrò in crisi: lei non aveva mai cucinato, come sarebbe riuscita a preparare una focaccia?

Cercò di prepararne una, ma le venne troppo cruda e il principino la diede da mangiare al suo cane.

La seconda era bruciacchiata, la terza troppo salata, la quarta insipida.

Insomma, tutte le pizze finivano immancabilmente nella pancia del cagnolino che in questo modo stava ingrassando.

La disperazione montava nella Regina e lu Riuzzu diventava sempre più triste, esangue, magro.

Però alla cameriera della Regina venne un’idea: far preparare la focaccia a Betta Pilusa che era molto brava.
Di certo il principino non avrebbe mai capito che non era stata fatta dalla madre Regina e l’avrebbe mangiata guarendo.

La Regina decise di conoscere Betta Pilusa, le spiegò il problema e attese fremente il risultato.

Spera di Suli-Betta Pilusa impastò la focaccia più buona che avesse mai fatto, accadde però inavvertitamente il suo anellino finì in mezzo alla farina.

La sera stessa la regina offrì la focaccia allu Riuzzu che, odorandola, esclamò: “Questa si, che è buona ed è fatta da mani di regina!”. Iniziò a mangiarla di gusto e tutti esultarono.

Però gustando la focaccia il principe si ritrovò in bocca qualcosa di piccolo e duro. Era un anellino. Lo nascose sotto il cuscino e non ne fece parola con nessuno.

Cosa arrivò a pensare? Che quell’anellino gli avrebbe fatto trovare la fanciulla dei suoi sogni.

Giorno dopo giorno riprese le forze e guarì del tutto.

Rimessosi in forze decise di scoprire il mistero dell’anello e incaricò un soldato di farlo provare a tutte le ragazze del reame.
Il tentativo sembrò inutile, era troppo piccolo, non entrava a nessuna e lu Riuzzu era così deluso che rischiava di ammalarsi di nuovo.
Solo in quel momento si ricordò di Betta Pilusa, così chiese al soldato se anche la ragazza avesse provato l’anellino.

Il soldato rispose di no.

Così la piccola fornaia venne convocata a corte e, alla richiesta del soldato, uscì dal mantello di pelo una deliziosa manina candida. Nel dito anulare quell’anellino entrò perfettamente tra lo stupore di tutti.
In quell’istante la fata madrina fece cadere dalle spalle di Spera di Suli il mantello di pelo mostrando la ragazza in tutto il suo splendore.

“È lei!!! È lei la ragazza che ho visto quella sera!!!”, urlò il principe. Così i due giovani, liberi, si innamorarono perdutamente. Si sposarono e iddi arristaru filici e cuntenti, e nui semu ccà e nni stricamu li denti.
(classica formula di chiusura siciliana: E loro rimasero felici e contenti, e noi qua che non abbiamo niente)


Pilusedda
(diminutivo di pilusa, pelosa, quindi Pelosina)

Cc’era ‘na vota un maritu e ‘na mugghieri: stu maritu e sta mugghieri

avianu ‘na figghia ch’era veru bedda.

Arrivannu a l’età di quinnici anni la matri cci cadíu malata,

e comu si vitti ‘n fini di morti chiamò a sò maritu e cci dissi:

– «Maritu mio, io già sugnu junta: vui ancora siti picciottu, e vi

putiti maritari. Vi lasso st’aneddu; a cui si lu ‘nfila e cci veni, vi l’aviti a

pigghiari pi mugghieri».

Muríu, e passannu un pocu di tempu, lu maritu circò di maritarisi.

Cc’eranu tanti fimmini, e a tutti mannava pi matrimoniu cu pattu

ca s’avianu a pruvari l’aneddu; ma st’aneddu a cu’ cci vinia largu

e a cu’ cci vinia strittu.

Dici lu patri: — «Ora lassamu jiri pi ora, ca ‘un è distinatu,» e si sarvò l’aneddu (si conservò l’anello).

‘Na jurnata facennu pulizii, la figghia truvò st’aneddu ‘nta un casciuni di cantaranu (cassetto del comò),

si lu ‘infila e nun si lu potti nèsciri cchiù.

«E comu fazzu, cu mè patri!» dici ‘ntra idda.

E chi fa? pigghia ‘na pezza nìura e si ‘nfàscia stu jiditu.

Lu patri comu cci vidi stu jiditu ‘nfasciatu cci dici; — «E chi hai, figghia mia?».

— «Nenti, patri; mi lu scurciavi (me lo sono sbucciato, ferito)».

Ddoppu ‘na pocu di jorna, lu patri cci vosi vìdiri stu jiditu, e cci lu sfàscia.

Comu cci vidi l’aneddu: — «Ah, figghia mia, tu ha’ a essiri mè mugghieri!».

Sta giuvina dicia ‘nta idda stissa (si diceva): «Io m’hê pigghiari a mè patri!… megghiu morta!»

‘Un sapennu chi fari va nn’ un Magu e cci cunfida lu tuttu;

e iddu cci dici: — «Nni vôi nèsciri? cci hai a diri a tò patri ca vôi un àbbitu,

ma bell’àbbitu di ‘nguàggiu, culuri di celu (abito da nozze celeste), raccamatu d’oru e

petri priziusi cu lu Suli, la Luna e tutti li pianeti».

Idda va nni lu patri e cci addumanna sta vesta.

Lu patri dici: — «E unni l’hê truvari?» Pensa, pensa, poi va ‘nta ‘na chianura (pianura) e chiama a sò cucinu (in questo caso sta per demonio, in Siciliano anche virsèriu) e cci cunta lu fattu.

— «E tu chi mi duni pi sta vesta?».

— «Ti dugnu l’arma mia».

— «Aspetta!»

E ‘nta menz’ura cci porta stu grann’àbbitu maravigghiusu.

La figghia ‘n vidennu st’abbitu ristau alluccuta.

Va nni lu Magu e cci cunta lu fattu.

— «Sa’ chi ti dicu? – cci dici lu Magu – addumànnacci un àbbitu virdi-mari, cu tutti li casini chi cci sunnu ‘n campagna».

Idda va nni sò patri:

— «Sapi, chi cci dicu, papà? Chiddu è àbbitu di ‘nguaggiu: ora cci voli chiddu di lu Statu Civili (per abito dello Stato Civile si intende quello col quale si va al Municipio pel matrimonio civile)».

Iddu va nni sò cucinu, e sò cucinu cci lu porta ‘n tempu chi si cunta.

La figghia com’appi st’àbbitu addumannau ottu jorna di tempu.

All’ottu jorna va nni lu Magu, e iddu cci dici:

— «Dumànnacci un’àbbitu pi quannu ti levi di zita (la ragazza all’indomani del matrimonio consumato, quando indossa anche un abito differente del solito), di culuri di rosi, guarnuta a quattru fila di ciancianeddi e campaneddi d’oru».

Idda accussi fa: e sò patri, a lu solitu, si vôta cu sò cucinu.

Comu fu pronti l’àbbitu:

— «Ora figghia – cci dici sò patri – nun cc’è cchiù tempu di pigghiari: ‘nta ottu jorna nni maritamu».

La povira figghia stritta e mala parata, iju nni lu Magu, e iddu cci dici:

— «Un ni pôi nèsciri: te’ ccà sta nuci, sta castagna e sta nucidda: servitinni a li to’ nicissità. Senti ch’ha’ a fari: t’ha’ a prucurari ‘na peddi di cavaddu: cci fa’ livari li suli cosi di dintra (letteralmente, le interiora, ma qui è tutto il corpo senza la pelle): la fa salari, e ti cci ‘nfli, facennu a vìdiri ca si’ cavaddu».

Idda accussì fici: si priparau li robbi soi, dinari e aneddi e gioj d’idda e di sò patri,

e la sira di lu matrimoniu cci dissi a sò patri

ca si vulía fari un bagnu [cà anticamenti prima di maritàrisi si sulìanu fari lu bagnu (uso nuziale dall’epoca greca e romana)].

E chi cummina?

Pi fari accridiri ca idda si lavava, cummina ‘na palumma dintra un vacili cull’acqua, e n’àutra

palumma fora di lu vacili attaccata a chidda di dintra pi li pedi: comu

chidda di fora caminava si tirava a chidda di dintra, e accussì

svulazzavanu e facìanu battaría comu ‘na pirsuna chi si sta lavannu.

Comu si trasíu ddà dintra, si ‘nfila ‘ntra la peddi e scappa.

Sò patri attintava. Aspetta aspetta, idda ‘un nisceva mai di stu bagna.

Quannu ‘un la vitti spuntari cchiù grapi e nun trova a nuddu.

— «Tradimentu! tradimentu!» e dicennu accussì, sbatti la testa pi li mura e

scatta: cala lu tintu e si lu pigghia (batte del capo per le mura e scoppia; scende il diavolo -lu tintu, il cattivo, il tristo- e se lo trasporta con sé).

Jamu a idda. Camina camina, unni si nni va? ‘nta un feu unni cc’eranu

tutti sorti d’armali.

E di cu’ era stu feu? Di lu Riuzzu.

Lu ‘nnumani lu camperi vidi stu cavaddu curiusu,

chi caminava cu li pedi davanti, all’aria: e cci vulía sparari;

ma ‘nta lu megghiu passa lu Riuzzu e cci duna pruibizioni di sparàricci.

Cci ‘ncugna, l’accarizzia, e idda la cavadduzza si cci stricava.

Iddu cci piacíu, e si l’ha fattu purtari a Palazzu.

A pedi-scala (ai piedi, al fondo della scala) cc’era ‘na cammara, e la ‘nchiuj ddà,

e cci accumenza a fari purtari lu manciari.

Iddu era curiusu di sapiri chi armali era e cci spijava (domandava):

— «Chi armali si’?»

— «Mi chiamu Pilusedda”.

Ogni jornu eranu ‘nsemmula, e avìanu pigghiatu ‘na gran cunfidenza e tuttu lu

sò diliziu ‘un era àutru chi Pilusedda;

e la matri di lu Riuzzu, ‘un la putia appàciri sta cosa (non poteva sopportare la situazione).

‘Na jurnata Pilusedda cci dici a lu Riuzzu:

— «Riuzzu, Riuzzu, datimi anticchia di pasta, ca m’hê fari un pititteddu (datemi un po’ di pasta, che vado a fare una pagnottina)».

Lu Riuzzu urdinau subbitu, e cci fu purtatu. Idda comu si vitti sula fici un pitittu,

e cci misi dintra lu ròggiu di sò patri. Lu Riuzzu scinni nn’idda, e idda cci

dici ca vulia fattu ‘nfurnari ddu pitittu. Lu ‘nfurnaru cu lu pani di lu Re:

chiddu di lu Re si anfa, e lu pitittu di Pilusedda cci veni ‘na galantaria (la pagnottina del re quasi si brucia, quella di Pilusedda riuscì una bellezza).

Li furnara chi fannu? lu bonu cci lu mannaru a lu Re, e a Pilusedda nenti.

Lu Re comu rumpi lu pani cci vidi stu ròggiu, e si nni maravigghia.

Lu ‘nnumani Pilusedda cci addumanna a lu Riuzzu n’àutru pezzu di pasta,

e si fa n’àutru pitittu, e cci metti ‘na bella spilla (spilla, spilla da petto, spillone) di sò patri.

Lu Riuzzu cci lu manna a lu furnu: a lu ‘nfurnallu cc’era puru lu pani di lu Re;

chiddu di lu Re si cci anfau, e lu pitittu d’idda cci vinni ‘na galantaria.

Li furnara, cunfusi, lu bonu cci lu passaru a lu Re, e lu tintu a Pilusedda.

Lu Re attruvannu la spilla si maravigghia, e Pilusedda si lamenta.

A lu terzu jornu, Pilusedda, pasta arreri (al terzo giorno Pilusedda si fa dare nuovamente della pasta); si fa lu pititteddu,

e cci metti un bell’aneddu brillanti sulitariu. Lu fa ‘nfurnari,

e cci succedi la stissa cosa.

A lu Re lu pitittu, a Pilusedda lu pani anfatu: lu Re rumpi lu pitittu,

e trova l’aneddu. Dici: — «Si stu pitittu è di Pilusedda, sta Pilusedda un po’ essiri armali: àutra cosa havi ad essiri…».

Jamu ca s’accustava ‘na festa. Lu Riuzzu cci dici a Pilusedda: — «Cci vô’ vèniri a Cappella Riali?

— «E io, cci dici idda, comu cci vegnu?».

Lu Riuzzu si nni va, idda resta, scàccia la nuci, e ddocu chi vulìstivu vìdiri?

Fati cu vesti, gioj e carrozzi. Si vesti, nesci di la peddi cull’àbbitu culuri di

rosa chi cci avia datu sò patri pi quannu si livava di zita;

si metti ‘n carrozza, e va a cappella riali cu dudici vulanti e batti-strata.

Lu Riuzzu comu la vidi cci jetta l’occhi di supra,

e ‘un cci spirciò cchiù la cappella riali.

Dici a li servi: — «Viditi unni stà sta signura, e mi lu sapiti a diri».

Idda si nni va: comu s’adduna di chistu, si sciogghi li capiddi; e ddocu perni e domanti.

Li servi allucintati (abbacinati, abbagliati) di ddi ricchizzi tornanu nni lu Riuzzu:

— «Maistà, sta donna nn’annurvau: pirdunu!»

— «Ah birbanti! pi lu ‘ntressu ‘un viditi cchiù di l’occhi!»

Pilusedda si nni iju nni la sò cammara, junci li scorci di la nuci (riunisce i gusci della noce),

e ‘ntra un mumentu spirìscinu li fati, li carrozzi e tuttu.

Si ritira lu Riuzzu: — «Pilusedda, Pilusedda, si tu cci vinivi! cc’era ‘na signura ch’era veru bedda».

— «E chi nn’hê fari io? Io vogghiu manciari».

All’ottu jorna si duna ca veni ‘n’àutra cappella riali. Lu Riuzzu cci lu dici

a Pilusedda: ma Pilusedda cci dissi ca ‘un n’avia chi nni fari. Com’iddu

cci iju, idda grapíu la castagna. ‘N tempu chi si cunta, lu restu di li fati: la

vestinu di Suprana (Sovrana) ca avia ad essiri, cull’àbbitu virdi-mari, ch’era

chiddu cu cui avía a jiri a lu Statu Civili. Va a la cappella riali,

e lu Riuzzu cci appizza l’occhi di supra;

si vôta cu li servi: «Grapìti l’occhi, ca si nun viditi cu’ è sta signura, siti persi».

Idda nesci, si ‘ncarrozza, e li servi pi dappressu.

Idda tira oru e argentu, e addiu servi.

Tornanu nni lu Riuzzu: — «Maistà, facitinni chiddu chi vuliti, ma viditi comu semu arricriati (ma vedete un po’ come siamo combinati!)».

— «Va beni: ‘n’àutra vota nni parramu».

Pilusedda torna a la casa, chiuj la castagna, e li fati spiriscinu. Ddoppu

jorna, ‘n’àutra cappella riali: lu Riuzzu cci lu dici a Pilusedda, e Pilusedda

dici ca ‘un cci nni ‘mporta nenti, pirchì voli manciari.

Com’iddu si nni va, idda scàccia la nucidda, e accumenzanu tanti fati

a vistilla cu l’àbbitu culuri di celu arraccamatu d’oru e petri priziusi cu lu

Suli, la Luna e tutti li pianeti, ca cci avía fattu sò patri pi lu ‘nguàggiu.

Va a cappella riali; lu Riuzzu comu la vidi, cci dici a li servi: — «Priparati la mè carrozza».

Idda scinni, e iddu cci va pi ddappressu; si metti ‘n carrozza: idda avanti, e iddu appressu.

— «Unni va, — dici lu Riuzzu — la carrozza? A palazzu!»

Idda si ‘nfila ‘nta la cammara, lu Riuzzu cu idda.

Quannu cci parsi, l’affèrra: — «Ah! maliziusuna! dunca io raggiuni avía quannu dicía

‘nta mia stissu ca tu ‘un mi pirsuadivi! E com’è ca tu si’ cavaddu,

e poi addiventi ‘na donna accussì bedda?».

Idda cci cunta lu tuttu. Lu Riuzzu fa vèniri lu Re e la Riggina e cci dici ca si voli maritari

e voli a sta bella giuvina.

Lu Re e la Riggina cci l’accurdaru, pirchì la picciotta cci parsi ‘na

biddizza spittaculusa; e si maritaru.

Iddi arristaru filici e cuntenti,

E nui semu ccà e nni stricamu li denti.


Bibliografia:

  • Opere complete, fiabe, novelle, racconti popolari e proverbi siciliani, di Giuseppe Pitré (1875 e 1880)
  • riscontro dalle pagine sulle Fiabe siciliane, da Sicilianfan.it
Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...